È così che il coronavirus colombiano è sopravvissuto in città con il maggior numero di morti

È così che il coronavirus colombiano è sopravvissuto in città con il maggior numero di morti

Amanda Estrada vive 30 anni fa a Bergamo, in Italia. Scopri la sua storia qui.

Amanda Estrada, colombiana sopravvissuta al coronavirus di Bergamo, promuove la produzione di maschere per il viso a Cartagena e Medellín.

Foto: File privato
Amanda Estrada, colombiana sopravvissuta al coronavirus di Bergamo, promuove la produzione di maschere per il viso a Cartagena e Medellín.
Foto: File privato

Di: John Montaño  12 maggio 2020, 17:20

Le sirene delle ambulanze suonano in qualsiasi momento del mattino o del giorno. Il triste canto delle campane delle cattedrali italiane che annunciano una tragedia. Il grido di una madre nel cuore della notte che piange un’altra morte per la pandemia … notti di insonnia, terribili febbri e isolamento …

Ecco come sono passati gli ultimi 70 giorni per Amanda Estrada, una potente donna d’affari colombiana, sposata con un italiano, che Ha vissuto per 30 anni nella città di Bergamo, al centro del coronavirus in Italia , e una delle città più colpite in Europa dalla pandemia.

“ Qui, i cittadini hanno preso l’annuncio dei primi casi sospetti di pandemia con pochissima serietà. Il commercio è rimasto lo stesso e le persone con la loro vita libera in bar, caffè, parchi e terrazze ”, ricorda Amanda, sopravvissuta alla pandemia in una città che, finora, ha lasciato oltre 4.200 morti.

In effetti, lei stessa ha vissuto una vita sociale molto attiva quando i primi casi positivi sono stati annunciati a Bergamo dalle autorità sanitarie.

“Certo, sapevo come l’ho ottenuto. Quando iniziano le terribili febbri e quel dolore selvaggio nel corpo, si pensa solo ‘A che punto ho messo la mia vita in pericolo in questo modo? “racconta l’imprenditrice, che, ora che ha superato il coronavirus, spera di superare la sua altra tragedia. Questa volta in Colombia, la sua terra natale, dove ha un hotel, nella città di Cartagena de Indias, che ha generato perdite solo da quando il governo nazionale ha proibito l’ingresso ai turisti, anche a causa della pandemia.

“All’inizio di marzo, alcuni amici mi hanno invitato a cena. Il virus era già in città, ma si crede che colpisca gli altri, ma che non possa mai toccarmi. Bene, quel giorno mi infetterà “ , aggiunge il colombiano.

Si dichiara innamorata di questa vecchia città italiana e della sua architettura medievale. In tutta la Lombardia italiana, è l’unica città con mura, come fa Cartagena.

Per Amanda, non uscire a cena, un bar o visitare amici a Bergamo è una perdita di tempo; inoltre, per una città che respira musica e poesia in tutti i suoi angoli.

Ma per lei una nuvola nera si posò su Bergamo come preambolo della tragedia.

“Il 4 marzo ho iniziato con febbre, stanchezza e una crisi sanitaria che non avevo mai provato prima. Mio marito ha chiamato il nostro medico, che solo guardandomi e intervistandomi, mi ha sorpreso: “Sei infetto dal coronavirus ” “, afferma Amanda.

La chiusura di aeroporti e commercio

A quel punto la città era già al centro dell’infezione e le notizie sui giornali annunciavano centinaia di malati e decessi.

“Mi sono isolato a casa mia, ovviamente, per proteggere i miei figli e mio marito. Ero in una stanza vivendo il mio incubo e i miei disturbi per essere indisciplinato e non obbedire ai primi ordini della quarantena “, ricorda.

L’incubo della pandemia è stato seguito dalla tragedia economica per gli abitanti di Bergamo.

“L’amministrazione ha reagito immediatamente e ha concesso un aiuto finanziario di 600 euro alle famiglie bisognose e ai commercianti in bancarotta”, ricorda.

Hanno dato via milioni di maschere e attrezzature sanitarie, che sono state distribuite porta a porta. Le strade sono rimaste vuote.

Amanda, 56 anni, ha perso molti amici in meno di 60 giorni. Italiani … amici intimi della colonia colombiana e latini, che non ha potuto vedere per l’ultima volta.

Dobbiamo imparare a convivere con questo, e non neghiamo di avere paura, ma la vita deve continuare, questo dura da molto tempo e misure sanitarie .

Bergamo ha vissuto un tasso di mortalità del 464 per cento, a causa della pandemia, la più alta in Europa , sottolinea Amanda. Fino ad oggi, Bergamo aggiunge 11.791 infezioni da parte della covide- 19.

“Molte persone non hanno nemmeno avuto il test e sono morte nelle loro case e seppellirle è stata una tragedia ancora più grande, perché non c’era nessun posto”, aggiunge lei, che grazie a un l’isolamento rigoroso e l’amore della sua famiglia furono curati.

“Dobbiamo imparare a convivere con questo e non neghiamo di avere paura, ma la vita deve continuare. Questo dura a lungo e misure sanitarie come l’uso di maschere e guanti faranno parte della nostra vita “, aggiunge.

Ti consigliamo:  Scopri dove e come puoi fare il test per il covid-19 nella tua città

In realtà, sta promuovendo una campagna a Cartagena, in Colombia, per le madri capofamiglia per fare maschere.

“Le mie sorelle a Cartagena e Medellín stanno realizzando le maschere con l’aiuto di alcuni impiegati. L’idea è che le grandi catene alberghiere possano unirsi a questo lavoro perché le maschere sono e saranno un punto fermo per molto tempo”, conclude il colombiano.

Fonte giornale – El Tiempo Colombia: https://www.eltiempo.com/colombia/otras-ciudades/coronavirus-ultimas-noticias-historia-de-colombiana-que-sobrevivio-al-virus-en-italia-494468