Crea sito
La grande mostra dedicata a Raffaello a Roma sarà aperta il 2 giugno

La grande mostra dedicata a Raffaello a Roma sarà aperta il 2 giugno

La grande mostra a Roma dedicata al famoso artista del Rinascimento, Rafael Sanzio, evento culturale dell’anno, chiuso a marzo a causa della pandemia, riaprirà dal 2 giugno al 30 agosto, i suoi organizzatori hanno annunciato lunedì.

Concepita in occasione del 500 ° anniversario della morte del pittore (1483-1520) nei prestigiosi spazi romani della Scuderia del Quirinale, la mostra dovette chiudere tre giorni dopo l’apertura, il 5 marzo, a causa dell’epidemia di coronavirus.

La grande mostra dedicata a Raffaello a Roma sarà aperta il 2 giugno

“La mostra, sospesa per tre mesi a causa dell’emergenza sanitaria causata da Covid-19, rimarrà aperta fino al 30 agosto 2020, grazie alla disponibilità e solidarietà delle istituzioni, del museo e dei collezionisti che hanno prestato il loro funziona “, hanno spiegato gli organizzatori in un comunicato stampa.

I visitatori devono attenersi alle rigide norme di sicurezza e gli orari di visita saranno prolungati dalle 9:00 alle 22:00

La monumentale mostra, che ha richiesto tre anni di lavoro, è stata organizzata in collaborazione con la Galeria degli Uffizi di Firenze, che ha prestato un quarto delle oltre 200 opere esposte, tra cui importanti capolavori di Rafael.

Rinomato per la perfezione e la grazia dei suoi dipinti e disegni, Rafael, morto a 37 anni nel 1520 per febbre alta, fa parte del trio di grandi maestri del Rinascimento, insieme a Miguel Angel e Leonardo Da Vinci.

La mostra presenta opere del Louvre a Parigi, della National Gallery di Londra, del Museo del Prado a Madrid e della National Gallery di Washington.

Fonte giornale Infobae (argentina):

https://www.infobae.com/america/agencias/2020/05/18/la-gran-exposicion-dedicada-a-rafael-en-roma-sera-abierta-2-de-junio/

Roma ospita la più grande mostra di Rafael nella storia

Le squadre del Quirinale celebrano il 500 ° anniversario della morte del genio con la raccolta di 200 opere. “È uno dei campioni più importanti realizzati in Italia”, afferma il suo direttore

Come le rock star, Rafael Sanzio visse rapidamente e lasciò un bellissimo cadavere.Il genio del Rinascimento è morto a Roma il Venerdì Santo 500 anni fa, il giorno del suo 37 ° compleanno. Fu una conseguenza, secondo la grande storia dell’arte occidentale (che porta anche la sua parte di pettegolezzi), del rapporto infuocato con Fornarina, la sua amante. Un errore medico, sì, ha fatto il resto. L’artista di Urbino e della sua città adottiva, che si dovevano così tanto, attraversano ancora una volta i loro destini, grazie a un’ambiziosa mostra presentata questo mercoledì alle squadre del Quirinale, cinque secoli dopo che Roma fu bagnata dalle lacrime da la perdita del suo pittore e intellettuale più sensuale e raffinato. Le cronache dell’epoca raccontano che quando la notizia della morte fu conosciuta, un leggero tremore scosse il Vaticano e aprì una crepa nel Palazzo Apostolico, che è stato interpretato come un segno delle capacità sovrumane del pittore. Lo spavento, si dice, fu tale che costrinse il Papa a lasciare i suoi appartamenti.

Al momento non vi è traccia della reazione di Francisco Bergoglio alla notizia che Roma è la patria della più grande concentrazione dei capolavori del pittore. Non vi è alcun rischio quando si utilizza l’aggettivo “storico” con Rafael 1520-1483 , che riunisce più di 200 pezzi tra arazzi, dipinti e disegni, 120 dei quali sono firmati dal pittore stesso Urbino e illustrano una fruttuosa carriera che in molti i sensi rimangono ancora insuperati nella storia dell’arte.

La citazione allude anche al suo rapporto con Roma , dove arrivò nel 1508 con una vasta esperienza dopo aver attraversato Firenze. L’insegnante trascorse 12 anni gloriosi e prolifici al servizio di due papi, Giulio II e Leone X, e delle loro corti, per i quali sperimentò liberamente e strinse la sua creatività mentre rivaleggiava con il suo Michelangelo contemporaneo.

Il titolo stravagante della mostra non è un errore: il viaggio inizia alla fine, il 6 aprile 1520, il giorno della sua morte, e continua, a ritroso, come in Il curioso caso di Benjamin Button , attraverso le tappe del La vita di Rafael: da Roma a Firenze, dove si stabilì nel 1504, passando per l’Umbria e fino a raggiungere le sue radici a Urbino, luogo della sua nascita il 6 aprile, questo, nel 1483.

La mostra, che resterà aperta fino al 2 giugno come atto centrale delle celebrazioni di un quinto centenario che prende il posto di un’altra, quella di Leonardo da Vinci, è stata possibile grazie alla collaborazione della Galleria fiorentina degli Uffizi, che Ha prestato alcuni dei suoi tesori più notevoli, come il Ritratto di Papa Leone X e due cardinali , La Vergine del Cardellino o il suo Autoritratto più popolare. Il primo dei prestiti ha causato le dimissioni dei membri del comitato scientifico degli Uffizi la scorsa settimana, che avevano scoraggiato il prestito del gioiello.

Altri musei, come il Louvre, il Prado, i fornitori della Vergine della Rosa o della Visitazione , o la National Gallery di Londra, che ha prodotto il Ritratto di Giulio II , completano i contributi. Altre opere sono uscite da diversi musei romani, come la famosa La Fornarina , in cui rappresentava il suo amante, la figlia di un fornaio di Trastevere.

L’attesa generata è al momento all’altezza dei gioielli inviati: prima della sua apertura oggi al pubblico, 70.000 biglietti sono già stati venduti per la mostra, ignari della crisi del coronavirus in Italia. Per Mario de Simoni, presidente delle squadre del Quirinale, è “una delle mostre più importanti tenute in Italia”, mentre Eike Schmidt, capo degli Uffizi, sottolinea che “mai nella storia è stato possibile ammirare così tanti capolavori Rafael insieme ”.

Arte complessa

Da parte sua, Marzia Faietti, curatrice della mostra, ha spiegato questo mercoledì: “Avvicinarsi a Rafael è una cosa molto semplice, perché è autore di arte complessa e allo stesso tempo capace di comunicare con tutti. La sua pittura è così ponderata, ponderata, sublimata e contiene così tanti livelli di lettura, che ogni osservatore, dal più semplice al più colto, ha la possibilità di ammirarlo per le ragioni più diverse ”.

In ciò le cose non sono cambiate molto in questi 500 anni. “La nobiltà e la bellezza di Rafael erano simili a quelle che tutti gli eccellenti pittori rappresentano in Nuestro Señor”, scrisse l’artista Paolo Lomazzo poco dopo la sua morte. Campione di ogni ingegno e preciso notaio del sogno rinascimentale, Rafael fu sepolto in un luogo al culmine della sua notorietà: il Pantheon, simbolo della maestosità e della grandezza dell’antica Roma, che così spesso lo ispirava. Un epitaffio di leggenda viene letto sul suo sarcofago di marmo in latino: “Qui giace Rafael. Quando viveva, la natura temeva di essere sconfitta da lui. Quando è morto, ha temuto di morire con lui. “

Fonte – Giornale el Pais: https://elpais.com/cultura/2020-03-04/roma-acoge-la-mayor-exposicion-de-rafael-de-la-historia.html